San Giovanni Valdarno   27 febbraio 2014
Serie B Femminile
 






   _____________________________________________________________________
Galli San Giovanni – GMV Meet Ghezzano : 55-50 (17-10 ; 27-24 ; 43-34)

Serie B - 2013/14  Serie B 2013-14




Galli San Giovanni: Patrignani 15, Argirò 12, Peretti 8, Lazzaro 9, Sogli 5, Livi 3, Galli 3. Fiorilli, Veneri. all. Paolo Biggio, ass. Emiliano Viticchi

GMV Meet Ghezzano: Silvi n.e., Bongiorni, Giglio Tos 19, Casella 2, Luciani 14, Viale 7, Mbeng, Brunetti 8, Franceschini. all. Cinzia Piazza, ass. Pietro Leoncini

Arbitri:

San Giovanni Valdarno. Serata “no” per le pisane che fin dall’inizio della partita sono apparse stanche e sotto tono.
Sarà stata l’insolita trasferta imposta al giovedì sera alle 21:30 a quasi 150 km di distanza, sarà stata la presenza di due giocatrici importanti nelle fila del Galli (metà dei punti in due) che stanno falsando il campionato (visto che a volte ci sono e a volte no, essendo a mezzo servizio con Moncalieri e avendole introdotte in squadra a metà campionato), sarà stato l’organico ridotto a nove (Ricci influenzata) e Casella parzialmente infortunata, fatto sta che se le bianco-verdi avessero avuto un briciolo di energie in più avrebbero tranquillamente potuto aggiudicarsi l’incontro.
Solo Brunetti ha mostrato grande volontà nel tentativo di rimettere in piedi una partita nata male e proseguita peggio. Ma non è stata adeguatamente affiancata dal resto della squadra, spesso apparsa quasi rinunciataria. Ogni qualvolta Ghezzano si rifaceva sotto, una palla persa malamente, una banale infrazione, un tiro avventato o una grossolana distrazione in difesa hanno consentito alle giovani giocatrici di San Giovanni di non farsi riacciuffare.
Una nota di demerito va agli arbitri che non sono per niente sembrati all’altezza della categoria.
Peccato, perché questa sconfitta rischia di complicare non poco il cammino GMV verso la qualificazione alla fase successiva. Pur mantenendo la seconda posizione assieme a Empoli, Ghezzano sente sempre di più il fiato sul collo di Livorno e Prato, che peraltro dovrà affrontare nei prossimi turni.
Appena 48 ore di riposo e arriva proprio l’altra pretendente Empoli, sbato 1 marzo alle 20 in via Sartori.
_____________________________________________________________________